in Bilinguismo, Linguaggio

Perché il bambino non parla?

  • 25 giugno 2017
  • By elise
  • 0 Comments
Perché il bambino non parla?

Che bello! Quanto ha ora? MA NON PARLA? non è la prima volta che ne parlo e chi è mamma sa perfettamete a cosa mi riferisco: la curiosità morbosa della gente. Sono tante le tappe nella primissima infanzia di un bambino. I primi sorrisi, la prima volta che siterrà diritto, e poi in piedi. I primi passi, le prime pappe, le prime parole… Quando accadono? Come accadono? Quando preoccuparsi se il bambino non cammina o non parla?

 

Mio fratello fa solo il verso della mucca!” Questo è quanto risponde Sophia, ridacchiando quando glielo chiedono. E se risponde così, è perché rispondiamo così anche noi. No, tecnicamente non è proprio verissimo. Ma a casa mia si usa dire “domanda idiota, risposta idiota“. Io ho sempre osservato un certo pudore nel fare domande alle altre mamme, perché nessuno può sapere davvero cosa nasconde la risposta dall’altra parte. Ora non fraintendete. Nel nostro caso non c’è nulla di cui preoccuparsi. O almeno per ora.

Io non sono mai stata di natura molto apprensiva. Sarà il mio lato francese… A casa nostra i bambini mangiano talvolta alle 19, a volte alle 20.30. Fanno il bagno anche dopo aver mangiato, e possono uscire quando piove. Non ho mai impedito loro di sudare e rabbrividisco quando me le rendono con la canotta infilata nelle mutande. Vale lo stesso per i “progressi” delle fasi della crescita.

Perché i bambini non parlano?

Sophia ha parlato presto. Prestissimo. Anzì, l’altro giorno riguardavo un video in cui, alla stessa età del fratellino, “leggeva” o meglio, “riconosceva” la parola “Esselunga” su una bottiglia d’acqua.

È femmina! Si sa, le femmine sono avanti!

L’ho sempre detto e sempre pensato, spesso ironizzando. Non è certo una gara, e poco importa chi è avanti. Prima o poi arriveranno tutti alla meta. Ma tendenzialmente, le femmine sono più avanti?

Verità o falso mito?

Nel nostro caso, perché non c’è regola che tenga, Sophia può sembrare sì più avanti. Più riflessiva, più curiosa di imparare, paziente e più portata o intenta forse ai lati più “intellettuali”. Dall’altro campo però è molto timorosa, e più cauta a livello motorio. Ha camminato né tardi né tantomeno presto. Ed ha imparato ad amare lo scivolo da quando ha iniziato la scuola materna.

Il fratellino invece è ora fin troppo spericolato. Ha camminato abbastanza presto (neanche tanto presto, però si notava già che fosse prontissimo e con una gran voglia di indipendenza).

Il bambino tarda a parlare: quali sono le cause possibili?

Per noi è facile da capire: Sophia e Jules sono due bambini bilingue che imparano francese e italiano in contemporaneo. Questo porta loro a dover memorizzare la stessa parola in due lingue diverse allo stesso momento ed è quindi molto facile che i bambini che imparano due o più lingue in contemporaneo tardano un po’ nel parlare rispetto ai loro coetanei.

L’importante è non preoccuparsi e non stressare i bambini, semplicemente rispettando i loro tempi ed accompagnando i loro progressi.

Nel caso di bambini bilingue, bisognerà fare attenzione a rispettare la proprio lingua per non confonderli. Infatti, rispetto a sua sorella maggiore, Jules è più confuso perché anche se il suo riferimento in francese rimango io mentre il riferimento italiano rimane il papà, capita spesso che lui mi senta parlare in italiano, così come sua sorella che passa spesso da una lingua all’altra.

Insomma. Il verso della mucca ci sta tutto! Mmmmm!

 

 

 

 

By elise, 25 giugno 2017
Eli telefono casa
Babel 2.0 (parte 1)
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Elise Lefort

Find us on instagram

@eli_thesparklingmommy