in Donna, Uncategorized

Martedì nero in Borsa!

  • 8 Aprile 2014
  • By elise
  • 0 Comments
Martedì nero in Borsa!

In teoria, il week end, nella maggior parte delle famiglie va in scena una cosa magnifica e quasi rara chiamata “Relax”. Ecco. Nella maggior parte. A casa mia, no.
Certo, non posso lamentarmi già che faccio parte di questa categoria di mamme che non temono affatto la fatidica domanda “ma dorme almeno?” Potendo annuire con serenità e un pizzico di goduria rispondendo “si,si, tutta la notte fino alle 9.30/10!”. (Sì lo so bene eh probabilmente pagherò tutto con il prossimo. Tranquilli, mi sono già preparata).

Essendo io molto casinista è disordinata (anche se secondo la mia teoria sono solo “creativa” … Si tratta solo della mia vena artistica che si manifesta in quel modo. Fila no?) ho avuto la brillante idea di accasarmi con un raro specimen di uomo maniaco dell’ordine.. (Ma scusate in teoria la specie maschile non era mica quella che lasciava i calzini in giro e lo spazzolino nel lavandino? Ah mi è capitata una perla rara? Ah che c.. mmh fortuna!)
Eppure avrei già dovuto intuirlo quella volta che appena tornati da un viaggio in aereo di 10 ore, alle 2 di notte ha disfatto immediatamente la sua valigia mettendo a posto i vestiti puliti belli piegati, ha messo da lavare quegli sporchi, sistemando tutto al suo giusto posto, al millimetro proprio… La mia l’ho disfatta dopo i canonici 5 giorni. Forse se ritrovo la valigia qualche rimasuglio di scontrino ci sarà ancora dentro…

Comunque fatto sta che: disordine + passione per le borse = gran casino e litigio in arrivo.
Praticamente Lui ha instaurato in casa il simpatico gioco delle sedie per le mie amate borse. Infatti, queste ultime prendono sempre posto al bancone del bar che divide sala e cucina (segno che aspettano un dannato aperitivo che a quanto pare non arriva mai).
Le sedie del bar sono tre. Le borse puntualmente quattro. Fate voi il calcolo (ce la faccio pure io che sono una frana in matematica).
Ma questo week end causa settimana-di-press-day-mancanza-di-tempo-troppi-look-diversi-e-il-non-posso-mica-girare-una-settimana-con-la-stessa-borsa-no-neanche-con-due-e-nemmeno-tre le borse in causa sono diventate cinque. Tre comodamente al bar, due mendicando un oliva tristemente a terra.

Per salvaguardare l’equilibrio della coppia, e la salute mentale delle borse, ho quindi dovuto rinunciare al divaning della domenica e darmi agli allenamenti per il campionato mondiale dell’ordine.
E sapete cosa? Ho scoperto un mondo. Un mondo pazzesco. Proprio nella mia borsa!
Sapete quante cose bizzarre si trovano in borsa?

Nella mia di sicuro cose impensabili. Ah. Ve lo avevo già detto che sono disordinata?

Ecco la lista:

20140408-111140.jpg

– tre campanellini dei vari coniglietti Lindt divorati nel corso degli ultimi anni (tre???? E poi perché averli tenuti in borsa? Mistero…)
– un rossetto ‘pin-up’ firmato diego dalla palma. Un incrocio tra fucsia e rosso con una punta di arancio. Un grande must!
– una palette super slim di ben otto ombretti Cargo. Leggerissima e super tascabile per ogni emergenza trucco.
– una mini taglia del PoreFessional firmato Benefit Cosmetics (per rimediare a piccoli inconvenienti come zone lucide e pori a vista!)
– un ombretto liquido Chanel … Color champagne … adoro…
– un mini correttore Erase Paste di Benefit Cosmetics (un alleato invincibile per le donne stressate/di fretta/sonnambule/stanche e chi più ne ha più ne metta)
– due spille Benefit Cosmetics (altro che “vuoi perdere peso chiedimi come” quelle sono proprio fighe! Ve l’ho già detto che adoro Benefit???)
– un agenda Vuitton (si perché nonostante viviamo nell’era della tecnologia io se non scrivo a penna non mi ricordo un cavolo)
– le chiavi di casa (ah già… utili…)
– un portafoglio Comptoir des Cotonniers pieno zeppo (no non di soldi purtroppo… di cavolate ovvio)
– uno sticker del sito “www.adottaunragazzo.it” per la “settimana internazionale del baffo” (eeehhhhhhhh????? giuro. non ne so nulla)
– una crema mani Sampar
– una crema Nivea (eh no perché una non bastava)
– un orecchino Minnie (uno???? Minnie????????)
– una fialetta di fisiologica Nasonet di Chicco (e qui so che voi mamme mi capirete! C’è sempre bisogno di una fialetta di Nasonet in ogni borsa vero???)
– due primissimi piccolissimi calzini lilla della Chicco (e qui scappa la lacrimuccia)
– un ombrello Coveri (no dai ma non è carino con tutti questi pois colorati???? Dai dai ma quand’è che piove????)
– delle figurine pelosine di Peppa Pig (e anche qui sono certa che voi mamme mi capirete! Mica si può vivere senza no???)
– un bracciale del Buzzi (no non sono una mamma senza cuore … Quello del parto è bello piazzato in uno dei tantissimi “libri del bebè”. Questo è quello ricordo del mio ricovero di quattro giorni a causa di un piede gonfio gonfissimo. Sì sì … uno! Avrei dovuto buttarlo forse ma boh…. Sono un’incorreggibile sentimentale)
– delle chiavette USB. Così. A caso.
– un “campione colore”. Praticamente vari campioncini dei colori che si addicono al colore dei miei capelli, dei miei occhi, e al mio incarnato. Volete conoscerei vostri? Contattate Rossella Migliaccio, oppure date una sbirciatina al sito web www.rm-style.com
– una spilletta della croce azzurra di Bologna (cioè????? Qui davvero non ho alcuna spiegazione….. A meno che … una sera …. No no davvero. Un mistero)
– tre pacchetti di fazzoletti (tre … che non si sa mai eh … un attacco di raffreddore improvviso … un pianto straziante… Un nasino piccolo che cola..)
– un naso da clown (no comment)
– il disegno di una bambina pieno di colori e di cuori
– il set Rouge Artist di Make Up For Ever con matita, rossetto e lipgloss (per serate improvvisate)
– Amuchina gel (scelta saggia)
– inviti (sfilata Versace e party di John Varvatos con i Kiss … In ricordo di una grande serata!)
– vecchi biglietti sparsi del tram, treno, aereo e altri trasporti. Ovviamente tutti già usati… Se no che divertimento c’è???
– un gomitolo di lana (?????)
– mille scontrini (tra esselunga, Conad, Coop e tanti, tanti, tanti di Gap. Ma questo a Lui non è necessario riferire)
– due tre mollettine per i capelli di Poussinou e un elastico (urge un codino? Uno chignon??? Eccomi!)
– una bustina di Oki (si sa che si sta veramente invecchiando facendo il conto delle medicine e vari rimedi in borsa. Mmh. Ok. Sono rovinata.)
– una vecchia lista della spesa (magari può essere riciclata!)
– un portachiavi a forma di Tour Eiffel (le radici non mentono mai)
– la tessera fedeltà del negozio “Quanto Basta” di Arese …. Il tempio del cake design! (-3 mesi al 2nd Birthday Party di Poussinou… AIUTOOO)
– una scatola di Lipgloss Dior VUOTA. Eh già…. Perché non collezionare pure le scatole vuote?
– un rossetto della Monica Collection di Dolce & Gabbana… Un rosso ispirato alla Bellucci. Eh sì guardatemi: non vi ricordo qualcuno? Dai su!
– un kinder cioccolato (devo dare spiegazioni?)
– il mascara They’re Real di Benefit Cosmetics per ciglia talmente “wow” da sembrare finte! (Ve l’ho già detto che adoro Benefit?)
– la crema labbra Lines no more! di Dr. Brandt per combattere eventuali righe del contorno labbra, idratare e riparare le labbra rendendole morbidissime. Ideale anche in caso di labbra secche. Lui ne sa qualcosa… Me lo ruba sempre ma sssshhht è un segreto!
– due biglietti dell’ultimo concerto dei Franz Ferdinand! Una serata pazzesca!
– una collana Secrets de Cailloux! Non conoscete questo deliziosi Bijoux creato dalla mia amica Sophie? Dal mood vintage, un po’ preppy un po’ bohème trovateli online su http://secretsdecailloux.com/boutique/
– una figurina con soldatini (????)
– almeno 4 paia di occhiali da sole (meglio proteggersi)
– un telefono
– soldi sparsi. Infatti ho ritrovato la bella somma di 1 euro e 58 centesimi nonché qualche Cent americano, un Dime, e un Centime francese (pure!)

Direi che forse può anche bastare.

E le vostre borse cosa nascondono?

20140408-111504.jpg

By elise, 8 Aprile 2014
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Fulvio Aniello

Per contattarmi personalmente, scrivete a Elise Lefort

Find us on instagram

@thesparklingmommy_familyblog