Carnevale Disney: come vestire i bambini?

Io ho sempre odiato il Carnevale. Ecco. L'ho detto. Anche da bambina. L'unica cosa che avrei salvato sono le crêpes. Che qui in ogni caso non si mangiano. Le chiacchiere? Preferisco farle al bar...

Per il me il carnevale significa: - ritrovare coriandoli a giugno in qualche tasca della borsa - le macchie di spray che non vanno via manco a pagarle E poi capita che diventi mamma e non solo il Carnevale, te lo devi far piacere, ma finisci persino per essere costretta a seguire il corteo. Tutto il corteo. Con bambini infreddoliti che non sanno lanciare i coriandoli se non in testa...
Read more

I bambini crescono troppo in fretta… e altre banalità

Da un po' di tempo a questa parte mi frullano in testa tre o quattro post distinti ma simili che si accavallano, che si confondono e che che MI confondono.

Ultimo ma non ultimo, anzi. ultimo un corno, il tempo. Il tempo è tiranno, diranno. E avranno ragione. Da quando è nato Jules mi tuffo spesso e volentieri in un vortice di emozioni contrastanti. Amore, frenesia, pazienza, fretta, sconforto, felicità... Essere mamme è facile e difficile allo stesso tempo. "Come fai sbagli". Quante volte avrò sentito pronunciare questa frase? Da genitori, prima che io lo diventassi. Anzì. Mentre io ancora facevo parte dalla...
Read more

L’amore è ogni cosa

In questi giorni sto riflettendo parecchio sull'amore. L'amore in generale. E non c'entra San Valentino.  Non c'entra perché le mie riflessioni partivano da molto altro ma inevitabilmente non posso che collegare tutto e mi chiedo: perché questo volere festeggiare l'amore oggi a tutti i costi?  Ma soprattutto: siamo sicuri di festeggiare l'amore giusto?  L'amore va festeggiato soltanto se in coppia?  Oggi in cui tutti condividano la trovata geniale di Real Time per rendere (giustamente) l'amore ufficialmente di ogni genere (ma ce n'era poi così tanto bisogno?) io mi chiedo: perché mai rinchiudere l'amore alla sola coppia, etero od omosessuale che sia?  Ricordo, soprattutto quando ero...
Read more

San Valentino: anche basta

Perché in questo tripudio di cuori e cioccolatini a volte si finisce per dimenticare l'essenziale. Le basi.  Perché è ora di dire basta.  Ecco dieci frasi che noi donne vorremmo non sentire mai più.   "Sei la donna più importante della mia vita... dopo mia madre" - ora... da neo mamma di maschi potrei QUASI anche concordare... ma no! Solo io penso che comparare la fidanzata alla propria mamma sia alquanto malsano?  "Con te non faccio sesso, faccio l'amore" sì certo. La sviolinata me la fai ora o più tardi? E comunque, forse, hai centrato il problema.  "Sei il mio primo pensiero al mattino, l'ultimo prima...
Read more

2 febbraio – dettagli

La musica lounge. La brezza serale. Il vento tra i capelli. Quella camicetta scollata sulla schiena. Il profumo di menta. Una mano sulla tua. Il tintinnio degli orecchini. Il rumore delle onde. Il rombo dei motori. Lo zucchero croccante sotto i denti. Il ghiaccio. Mordere la cannuccia. Il calore del'asfalto. L'umidità delle grandi città. Una rosa che non profuma. Una sigaretta. Una risata a tutto volume. Un abbraccio. Andare in due al bagno delle donne. Un'altra sigaretta. Le brioche calde nel cuore della notte. Addormentarsi in macchina.  Struccarsi Non struccarsi Scendere dal tacco 12. Spogliarsi. Dormire nuda. I letti troppo stretti.  Uno schiaffo. Un...
Read more

Annunciare la gravidanza: non come Beyoncé!

Inutile far le gnorri. Inutile restare nel vago. Inutile cambiare argomento. Inutile glissare. Va che vi ho viste eh.

Volete forse dirmi che non vi siete mai messe ad "immaginare" il modo in cui avreste annunciato la vostra dolce attesa al mondo? (che poi al mondo glie ne freghi effettivamente qualcosa, è un altro paio di maniche) Andiamo, su'! Fate le brave. Io ci penso da qualche ora. No, NO, fermi tutti: io non devo annunciare proprio nulla. Stavo solo pensando a lei. Beyoncé. Queen B. Ne vogliamo parlare? Un po' sposa, un po' figlia dei fiori, un po' Rihanna, un po' Anne Geddes finita male. Un po'.........
Read more

Questa è una storia d’amore…

Questa è la storia di una scommessa. Non è la storia di un semplice marchio. E non è nemmeno una storia "pubblicitaria".

Questa è prima di tutto una storia di incontri. E d'amore. Amore per il bello. Amore per la propria famiglia. Amore per le cose belle Amore, semplicemente, per tutto ciò che è... fatto con amore. Appunto. Lei è Lucie. Una ragazza con un bel cursus scolastico. Degli studi impegnativi. Una carriera internazionale quasi tutta tracciata. Ma Lucie si stufa. Lei vuol fare altro. Lucie sente che il cuore la guida altrove. Lucie vuole creare. Sperimentare. E vuole dedicarsi ai più piccolini. Dopo un viaggio in Australia, uno dei paesi più...
Read more

23 gennaio: tu come stai?

"Tu come stai?" Una domanda non-domanda. Un automatismo. Una frase fatta. "Ciao, come stai?" Quante volte lo abbiamo detto? E quante volte lo abbiamo pensato?  "Ciao come stai?". E intanto si fa il caffè, si mangia una mela, si guarda l'agenda, si "piaccia" su Instagram, si va in bagno, si stende il bucato. Si prende la metro, si corre dietro al pullman, si paga alla cassa, si fa la spesa.  Dopotutto non è colpa nostra. Ce lo hanno insegnato così. "Ciao, come stai?" - "Hello, how are you?"  - "Bonjour, ça va?"  Ce lo hanno insegnato così. Chiamatela frase, saluto, formula di cortesia.  La...
Read more

22 gennaio: mamme e legge di Murphy

Tempo fa scrissi un abbozzo di post divertente riguardo alla legge di Murphy applicata alla vita da mamma(o da genitori ma si sa, se sei mamma c'è più gusto...) e poi non lo pubblicò, e questo perché nel mentre arrivò Enrica Tesio. Con un post favoloso e ovviamente migliore del mio, ça va sans dire...  Però lo ammetto. Sul momento mi sono gasata parecchio. Sì, un po' mi sono sentita "figa".  Oggi mica voglio riproporlo (anche perché poi l'ho pure cancellato) ma soltanto ribadire quanto collezionare le sfighe sia normale amministrazione in una normale vita da madre alfa.  E così, dopo più di due...
Read more

21 gennaio: l’intervista

Tempo fa girava una piccola intervista da fare con i propri bambini.  Così ho interrogata Sophia a proposito di me, e di suo padre. Ecco le risposte:  Qual è una cosa che dico sempre?  Che io devo lasciare giocare Jules (oh...pora stella...) Cosa mi rende felice?  Quando io ti regalo dei fiorellini  Quanto sono alta? Così. (Cioè praticamente quanto un vasetto di marmellata...) Quanti anni ho?  Veramente non lo so. Eh va bene...15! Giuro che non ho detto nulla! (Ma forse dovrei preoccuparmi dell'acne?) Qual è il mio colore preferito? Verde (???) Che cosa mi piace tanto fare?  Ti piace cucinare giusto? E farmi dei câlins! (Coccole) Cosa mi rende orgogliosa di te? Quando ti...
Read more