in c'est la vie, Figli, Genitori e figli

Scegliere di fare un figlio

  • 21 luglio 2016
  • By elise
  • 6 Comments
Scegliere di fare un figlio

La vita è fatta di scelte . Un concetto che non apparirà mai così chiaro di quando si deciderà di diventare madri oppure no.
Non parlo del diventare mamma e basta. Parlo della scelta consapevole nel mettere al mondo un figlio.

Perché si. Fare un figlio è e dovrebbe essere una scelta. Una scelta fatta col cuore e fatta con la testa. Persino quando arriva e basta.

Quando Poussinou è arrivata nelle nostre vite a tutto eravamo pronti tranne che diventare genitori. In quel momento però abbiamo fatto una scelta. Abbiamo scelto di diventare una famiglia. Abbiamo scelto lei.

In seguito abbiamo scelto di ingrandire la famiglia. Ancora una volta, abbiamo scelto.

Ho scelto di essere mamma e ho scelto di rimanere donna. Anche questo è una scelta.

Ho detto più e più volte che i figli non sono un handicap ma una gran fortuna. I figli non ti limitano. Semmai ti aprono nuovi orizzonti finora sconosciuti.

Ed è vero. Non siamo mai usciti così tanto di quando siamo diventati genitori.

Ma lo abbiamo fatto consapevolmente. Ancora una volta, una questione di scelte.

Sono di quelli che sostengono che una donna debba portare avanti la propria vita, sogni e desideri in poppa, e realizzarsi.

Scegliendo al meglio.

Per questo penso che per quanto sia possibile, non tutto è fattibile.

Chiamale priorità.

Mi sento di fare parte della squadra delle fortunate. Quelle con i nonni a disposizione.

Ma anche questa è una scelta.

La scelta della facilità da una parte.
La consapevolezza dello scegliere una delle vie meno scontate. I nonni, per quanti disponibili, devono poter portare avanti la propria vita e i propri impegni.

Chiedere loro aiuto? Si.
Sfruttarli? Anche no.

Io la mia scelta l’ho fatta ed è ora di assumerla.

Io ho scelto la mia vita di mamma. Ho scelto la mia carriera. Ma in primis ho scelto di fare figli.

Ho scelto di non dormire mai più di un sonno profondo.
Ho scelto di dire addio alla domenica a letto.
Ho scelto di non potermi più permettere una sbronza.
Ho scelto di bannare per mesi gli orecchini pendenti.
Ho scelto di convivere con la paura, l’apprensione.
Ho scelto di dover ogni tanto dividere il mio letto.
Ho scelto di non poter più guardarmi un telegiornale per intero ed avere la TV sincronizzata su Rai YoYo.
Ho scelto di fare shopping prevalentemente nel reparto bambino.
Ho scelto di viaggiare pesante. Tre valigie per loro, una mezza per me.
Ho scelto di mettermi anima e corpo in gioco.
Ho scelto di rischiare.
Ho scelto di dire addio al seno sodo dei 20 anni.
Ho scelto di prestare il mio corpo a qualcun altro e di portarne i segni.
Ho scelto di fare figli.

Figli per i quali e grazie ai quali sceglierò il meglio.

Fare figli è una responsabilità.
Una responsabilità che mi sono scelta. Nel bene e nel male.

E siccome la scelta è mia, non accetto che nessuno scelga per me.

Che nessuno scelga per me come crescerli.
Che nessuno scelga per me come e quando lasciarli.
Che nessuno si permetta di mettere becco nelle mie scelte. Di donna e di mamma.

Non sono solita imporre i miei figli a nessuno. Ma nessuno deve impormi come comportarmi con loro.

Fare figli è una scelta. E implica anche di scegliere le persone più adatte ad accompagnarci in questo viaggio. Lasciandosi dietro alle spalle chi, queste scelte, non le capirà né condividerà.

By elise, 21 luglio 2016
  • 6
6 Comments
  • gaia
    21 luglio 2016

    chiedo un po’ di rispetto per chi avere o non avere figli non e’ una scelta

    • elise
      21 luglio 2016

      Gaia, ci mancherebbe. Con questo pezzo mi volevo riferire a tutt’altro. Tipo a chi non capisce né concepisce che una mamma non possa sembra mollare i bambini quando, quanto e come le pare. Per questo intendevo dire che avendo scelto di volere diventare mamma, ho scelto poi di occuparmi dei miei figli. Pensavo fosse chiaro ma magari mi sono espressa male. Lungi da me l’intenzione di mancare di rispetto a chi non può avere figli. Non mi rispecchia affatto. Davvero. Un abbraccio.

  • Anna
    22 luglio 2016

    I giudizi ci saranno sempre, per qualsiasi scelta… Ma quando diventi mamma raddoppiano, ( e anche se purtroppo non lo diventi)… Bisogna imparare a farseli scivolare addosso e lo dico per prima a me stessa perché tant’è volte faccio fatica con i continui giudizi della famiglia del marito. L’importante è ascoltare ma poi decidere da se’.

    • elise
      22 luglio 2016

      Sono d’accordo con te. L’importante è IMPARARE a farsi scivolare addosso i giudizi altrui. Non sempre è facile. Forse è tutta esperienza 😉 Un abbraccio!!!

  • Laura
    30 luglio 2016

    Quoto tutto, davvero. Bravissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Elise Lefort

Find us on instagram

@eli_thesparklingmommy