in Borsa ospedale, Gravidanza, Gravidanza, Parto, Post parto

Valigia per l’ospedale col senno di poi!

  • 12 Gennaio 2016
  • By elise
  • 10 Comments
Valigia per l’ospedale col senno di poi!

Perché pur essendo al secondo figlio non si finisce mai di imparare (dopo). Perché anche questa volta un paio di cose le ho imparate (dopo). Perché un concetto lo ribadisco: non fatela preparare dal  marito!

Questo post sarebbe dovuto uscire prima. Molto prima. Ma in questi giorni, e ve lo spiegherò a breve, il mio planning di uscita dei post è stato rivisto dal mio nuovo capo. E’ un tipo simpatico ma esigente. Piuttosto bassino e senza collo. E richiede la mia presenza continuamente.

I miei consigli sulla valigia per l’ospedale ve li avevo già dati. Ma  col senno di poi, qualcosa lo aggiungerei. O toglierei.

In primis una premessa. Lo dico, lo ripeto, lo ribadisco: preparatela col dovuto anticipo. Perché sì, il “ma i miei nascono sempre in  ritardo” non vale sempre.  Nel  mio caso la prima è dovuta essere sfrattata una settimana buona dopo il termine. Il secondo invece si è presentato con una settimana di anticipo.  Non c’è regola che tenga, non  c’è regola che valga. Ricordatevelo. E spesso, affidare questo compito importante a loro potrebbe non rivelarsi un’ideona.

Essendo dovuta essere ricoverata con Petit frère a causa della bronchiolite, ho dovuto  chiedere a Lui di portarmi dei vestiti da casa per la mia degenza. “Prendimi maglie o camice comode per allattare

Mi ha portato un  vestito estivo prendisole… mini (molto mini) e con profonda scollatura… sulla schiena!)

Ecco.

Io ho messo giorni a pensare al “look” migliore per partorire. Mi immaginavo (essendo al secondo figlio avevo pianificato tutto in testa sapendo più o meno a cosa andavo incontro e una fotina con petit frère appena nato la volevo eccome, restava da trovare il look giusto) con una larga maglia a righe, a stelline oppure bianca candida (sì ne ho pure comprato tre).

Invece sono arrivata già a buon punto. Petit frère stava per nascere (almeno è quello che credevamo in quel momento). Troppi dolori, troppa fretta, troppa ansia. Non mi sono nemmeno cambiata e alla fine ho trascorso tutto il travaglio ma anche il taglio cesareo con il vestito (pur sempre a righe però) che indossavo sin dal mattino. Un abito comodo certo, ma con maniche lunghe (sconsigliatissime).

Manco il reggiseno ho tolto. Fate voi.

Questo per dire che tutto è relativo.

Come base, direi che sia fondamentale seguire la lista fornita dal proprio ospedale.

Per il resto alcune dritte:

Reggiseno di allattamento, o  canotta aderente di microfibra (quest’ultima più economica e comoda) + coppette assorbilatte. Il colostro (primo latte) macchia. Eccome se macchia!

Mutande di rete. Purtroppo ve tocca. Quelle di rete son più comode di quelle di carta. Nel caso di un cesareo, sono più alte perciò provocano meno dolore alla ferita e lasciano passare più aria aiutando la cicatrizzazione.

Scarpe COMODE DA INFILARE anche stando in piedi. Io ero contraria alle ciabatte. Sinceramente non mi vedevo camminare per i corridoi  con le ciabatte di casa (stiamo scherzando?). Ho risolto con le Rivieras, slippers ultra comode che si riescono ad infilare senza manco piegarsi. Nel mio caso sono state la mia salvezza.

Leggings MORBIDI e vestiti facili da indossare. Causa taglio cesareo, il primo giorno sono state le infermiere a vestirmi. Il secondo giorno mia mamma. Il terzo ho dovuto iniziare a fare da sola (ma per una settimana abbondante ho richiesto l’aiuto di mia madre). Standing ovation ai leggings Intimissimi. Ultra morbidi, hanno un elastico piatto, largo e che non stringe affatto. Ancora una volta, io non ve lo auguro, ma mettiamo caso che il vostro parto debba concludersi con un cesareo, questi sono il top. Gli unici a non provocare dolore. Approvati persino dalle infermiere!

Scottex

Capsule bagnodoccia monodosi (Sephora). Quelle sono davvero fantastiche!

Pseudo tappettino doccia

Infradito (da usare in bagno)

E per il bambino?

Per loro non ho molto da aggiungere o togliere rispetto a quanto già detto. Prediligiate però body a manica corta e tutine leggere. Petit Frère è stato ricoverato a due mesi. E ci hanno espressamente raccomandato di prendere indumenti leggeri, o da lasciarlo anche con il body. Parlando di body, se siete alle prime armi preferite quelli con chiusura “ad incrocio” o scaldacuore perché molto più  comodi da mettere. Per lo stesso motivo, i pigiamini aperti sul davanti sono anch’essi più comodi e vi aiuteranno parecchio nei primi giorni quando il bambino sembra fatto di vetro (in realtà i bimbi sono di gomma, tranquille!)

Io sono ancora dal parere di prendere due tre cambi in più rispetto a quanto richiesto. Alcuni swaddles, sempre utilissimi, due bavaglini, due asciugamani, e una coperta avvolgente.

Altro da aggiungere?

Oh, fatemi sapere eh!

 

By elise, 12 Gennaio 2016
  • 10
10 Comments
  • Antonia
    14 Aprile 2016

    Ciao Elise, ti avevo già scritto a proposito di swaddle, ma mi è venuto un dubbio…fondamentalmente si usano come copertine? perchè cercavo qualcosa di morbido con cui asciugarlo ai primi bagnetti etc…e mi chiedevo se questi, in cotone, facessero al caso mio. Grazie cmq per i post su valigie ospedale e altro…mi son utilissimi ora che sto preparando la mia!!! 🙂

    • elise
      14 Aprile 2016

      Ciao Antonia che piacere sentirti di nuovo!
      Allora risponderei “nì”. Non sono né asciugamani né copertine. Cioè si tratta di teli di cotone ultra leggeri, che sono stati creati per avvolgere il bebè. Alla nas cita sopratutto, i piccoli si sentono meglio, e più rassicurati, se avvolti perché è un po’ come essere ancora in pancia. Detto ciò, alcuni bimbi amano essere fasciati, altri meno (crescendo). Ma gli swaddles li userai per tantissimi modi. (A breve mi sa che pubblicherò finalmente quel post sui 10 usi dello swaddle 😀 me lo hai fatto venire in mente).
      Asciugano volendo, ma non sono asciugamani. Io però, all’ospedale un giorno dimenticai in camera l’asciugamano… e ho quindi usato proprio lo swaddle per asciugare il bimbo. Perciò volendo anche sì ma diciamo che non è l’uso primario.
      Ma sono favolosi da usare come lenzuoli o copertine estive, da mettere come lenzuolino sotto nel lettino (perché più morbidi delle lenzuola “normali”). Infine li userai anche per allattare, per asciugare qualche rigurgitino di troppo (per la pelle delicata dei neonati sono fantastici), o come “doudou” per la nanna.
      Quando hai il termine???

  • Antonia
    16 Aprile 2016

    Ciao Elise, termine 12 giugno. Anche se lui è già enorme ora!!! ed io accuso da morire questa pancia ingombrante…ma alla fine mi piace averla 🙂

    Capito tutto….bene…allora magari uno o due li prendo, anche se son piena di copertine per cui sicuramente diciamo che non li userei molto per quello, o forse si…ma + per le altre cose che mi scrivi.

    Hai consigli anche per i primi prodotti con cui lavarli?
    Forse hai già scritto qsa in proposito, devo leggermi gli altri post.

    Intanto mi son guardata un pò dei marchi anche che segnalavi per abbigliamento etc, per cui continuo a seguirti.

    grazie e buon wend!
    antonia

  • Antonia
    16 Aprile 2016

    Ultimo consiglio poi giuro non rompo piu 😉
    Cercando su internet trovo mille tipi diversi swaddles di aden.
    Che misura di swaddle mi consigli? volevo un pack da due in cotone che per giugno dovrebbero esser l’ideal, ma sembrano tutti da 4….

    grazie ancora
    A.

    • elise
      21 Aprile 2016

      Ma figurati mica rompi!!! Allora io ti consiglierei di prenderlo da quattro… alla fine vedrai… per una cosa o l’altra ti torneranno utili. Io per esempio ne lascio uno sempre fisso nella carrozzina. Nascendo in estate poi a maggior ragione. Farà caldo e starà meglio e più al fresco sullo swaddle. Uno lo userai per riparare la carrozzina dal sole o magari per allattare con più privacy, uno come pseudo bavaglino d’emergenza… Insomma… gli usi sono multipli!

      Per quanto riguardano i prodotti invece guarda ne ho provati tantissimi! Sono sempre stata una grande fan di Mustela… solo per il profumo che mi ricordava l’infanzia. I primi prodotti di Petit Frère invece sono stati Bionike. Promossi! L’olio per il bagnetto è favoloso davvero. Ottima è Linea MammaBaby. Perfetti per la pelle delicata. Sulla stessa linea anche Bubble & Co che ha un latte corpo che sa di vaniglia, tipo da bambola. Oggi invece ho proato Kiehl’s. Approvato anche quello. Comunque il consiglio che ti darei è di prediliggere i prodotti più naturali possibile. E di usare le salviettine il meno possibile. Meglio lavare con acqua e poco poco sapone.

      Goditi la pancia! Lo so che te lo diranno tutti… ma passa in super fretta!

  • Antonia
    29 Aprile 2016

    Grazie Elise….mi ero persa la tua risposta!!!!

    Ok allora, prendo la confezione multipla…ma x es questi:
    https://www.family-nation.it/aden-&-anais-set-3-pezze-di-mussola-milleusi-up-up-and-away-100-mussola-di-cotone-70×70-cm-P958.htm

    Potrebbero andare bene? sono 70x 70 cm mussola di cotone.

    Grazie milleeeeeeeeeee di tutto!!!!
    E si mi godo la panciotta…anche se forse faremo cesareo perchè il ciccio è podalico e non si gira 😉

    antonia

    • elise
      29 Aprile 2016

      Ciao Antonia! Allora, i miei sono tutti più grandi. tipo il doppio. Penso che tutto dipenda dall’uso che ne farai. Io preferisco quelli più grandi perché mi sono più utili per riparare la carrozzina dal sole per esempio, o se c’è vento, per usarli tipo lenzuolino, e poi, quando crescerà, per posarli a terra, tipo ai giardinetti… Per altri usi invece questa misura potrebbe anche andare bene.
      Anche mia figlia era podalica e si è girata all’ultimo… Non si può mai dire… decidono tutto loro! Infatti il mio maschietto ha pensato bene di rimanere di traverso…
      Mi raccomando poi fammi sapere di te 🙂

    • elise
      29 Aprile 2016

      P.S: la fantasia che hai scelto per i teli è la stessa della prima copertina di mio figlio 🙂

      • Antonia
        29 Aprile 2016

        ahhaaahh….bello sapere che abbiamo gusti simili!
        si ho visto che c’è anche da 120x 120 credo…
        infatti ho pensato che forse erano meglio

        ora provo a cercarli di quella misura….
        qlo che ho visto finora non mi piaceva di fantasia!

        grazieeeeeeeee
        antonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Fulvio Aniello

Per contattarmi personalmente, scrivete a Elise Lefort

Find us on instagram

@thesparklingmommy_familyblog