in Back to school, Bimbo

Back to school: i segreti del successo

  • 11 settembre 2017
  • By elise
  • 0 Comments
Back to school: i segreti del successo

Quando si hanno due mesi di vacanza, il tempo sembra non passare mai. L’estate è una dolce parentesi da gustarsi, fatta di giornate da potere quasi sprecare. Il tempo c’è. I ritmi sono più lenti, e cala la voglia di organizzare ogni singolo movimento. Questo fino a fine agosto, e all’inizio di settembre, momento in cui ci si rende conto che la scuola è li che ci aspetta, dietro l’angolo. Allora via a preparare, pianificare. La cartella e il materiale per la scuola, i vestiti nuovi che renderanno più dolce questo rientro.

Mia figlia ha decisamente preso da me: con un po’ di shopping si vede tutto da un’altra prospettiva, e persino la fine delle vacanze sembra più interessante. Crescendo incredibilmente in modo pazzesco durante l’estate (beati loro) a settembre la necessità di fare acquisti per i bambini non può considerarsi una futilità, anzi.

Back to school: quali vestiti comprare per la scuola?

Noi puntiamo da sempre sui compromessi. Ormai Sophia sta diventando più grande e grazie al cielo, la famosa “tuta” non è più così fondamentale, avendo acquisito una certa autonomia. Sta di fatto però che i vestiti dedicati alla scuola devono lo stesso essere comodi prima di tutto. Pratici, ma pur sempre sfiziosi. Il nostro abbinamento favorito è: maglia oversize, svasata oppure abitino + leggings.


In alternativa ai leggings, abbiamo scelto i jeggings. Un po’ più spessi, e quindi più adatti quando le temperature iniziano a calare ma pratici da infilare perché con elastico in vita anziché zip e bottone. Qualche cardigan all’occorrenza e soprattutto molte felpe. Di cotone di varie misure, con o senza zip sul davanti, con o senza cappuccio.



Giacche di metà stagione come la classica giacca in denim, un chiodo oppure un bomberino colorato, e scarpe chiuse. Da preferire sneakers con gli strappi e ballerine, sempre per una questione di comodità.


Noi quest’anno abbiamo scelto GAP. Il marchio mi è piaciuto da sempre per lo stile delle sue collezioni bimbo ma soprattutto per le continue offerte che offre. E infatti in occasione del back to school non ha mancato all’appello proponendo un 25% su tutta la collezione bambino. Uno sconto sicuramente apprezzabile per i genitori che si trovano a dover rifare il guardaroba dei propri figli!

Come affrontare il back to school con serenità?

L’inizio della scuola, anche se Sophia è ancora alla scuola materna per l’ultimo anno, desta sempre un mix di emozione, ansia ed apprensione. Per la cronaca, la sera prima del grande giorno, mentre cercavo disperatamente di chiudere gli occhi in vista dela sveglia delle 5.00 per potere lavorare, Sophia si girava e rigirava nel letto in cerca di sonno. Incapace di lasciarsi andare al riposo. Ed è chiaramente finita nel lettone di mamma e papà dove ha chiuso gli occhi in tempo record.

La chiave sta tutta lì: per quanto loro crescano, per quanto noi possiamo creare e ricreare rituali per rendere questo giorno più dolce, per quanto potremmo comprare una cartella nuova, preparare una colazione da campioni, enumerare tutti gli amici che vi ritroveranno… l’unica cosa di cui i bambini hanno bisogno davvero è la presenza e l’affetto dei propri genitori. Una coccola, un abbraccio, un sorriso. Il tempo insieme non è da misurarsi in quantità ma in qualità. Basterebbe un giorno, un pomeriggio, un’ora. Solo per loro.

Jules nonostante stia crescendo ha sempre molto bisogno di attenzioni e va controllato senza sosta avendo un’indole spericolata a dir poco. E così sono davvero tante le volte in cui mi sento in colpa per considerare lei “grande” e già quasi “responsabile”.

Così ho scelto di trascorrere questo ultimo week end di vacanze dedicandomi a lei. E tra una pizza e un film Disney sotto una coperta sul divano (bentornato autunno!) abbiamo anche trascorso una giornata fuori porta, a Gardaland!

Mi sembrava quasi “sprecato” andare a Gardaland con una bambina di 5 anni. Invece è stato perfetto e non abbiamo visto la giornata passare. Ho pure dovuto trascinarla via di peso…

Ci siamo godute la parte “Fantasyland” del parco di divertimento, dedicato alla fascia di età più piccola, e provandone ogni giostra. Abbiamo provato l’ebbrezza del Brucomela, ci siamo imbarcate sulle navi dei pirati di Peter Pan e infine ci siamo pure regalate qualche brivido nella piramide del Risveglio di Ramses.

Erano passati quasi 20 anni dalla mia ultima volta a Gardaland. Ho trovato il parco davvero molto organizzato specialmente per le famiglie, pulito, molto pratico ed esteticamente molto bello, con un punto speciale per l’albero di Prezzemolo, davvero incantevole.

Siamo tornate a casa con la testa piena di ricordi, gli occhi pieni di stelle, con tante storie da raccontare.

La prossima volta, tra un paio d’anni, ci porteremo pure il fratellino! Questa volta, era tutta per noi. Solo per noi.

E stamattina non vede l’ora di raccontare tutto alle sue maestre.

Un trucco care mamme per fare passare inosservata la totale disorganizzazione della mamma… mica male eh?





 

By elise, 11 settembre 2017
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Elise Lefort

Find us on instagram

@eli_thesparklingmommy