in Lifestyle

Natale: facciamo i conti?

  • 26 dicembre 2017
  • By elise
  • 0 Comments
Natale: facciamo i conti?

52 regali sotto l’albero (ho pure contato). Zero doppioni. Zero taglia sbagliata. Tre panetti di burro danese (quello felice). Quattro bottiglie di champagne. Quattordici alberelli scintillanti. 1.363847263748489 glitter sparsi per la casa. Una playlist di Natale.

Cinque tisane. Una tachipirina. Due citrosodine. Un antibiotico. Tre cani interattivi. Un gatto, una tigre e un orso che russa. Un piatto per babbo natale. Due biscotti una carota e pure una zucchina nel caso fosse sul veg-andante. Tre film visti sul divano. Quattro plaid. Due mal di testa (o era la cervicale?). Una nausea. Due mal di gola. 16 pile. Una lavatrice in panne. Due confezione di pan carré. Due panettoni e una bûche fatta in casa. Un mappamondo e 364826 domande su fauna, flora, meteo, stelle e sistema solare. Una chitarra. Un treno che canta. Un gatto che miagola. Un cane che abbaia. Una ruota degli animali. Un altro mal di testa. Dodici tartine. Due salami. Cinque bottiglie di vino rosso. Un tappo sbriciolato. Sette manuali di istruzioni. Due dei quali utili. Ventisei “mi passi le forbici?”. Nove “come cavolo li confezionano ‘sti giochi, è una roba guarda, impossibile aprirli”. Cinque caricabatterie qua e là. Tre ghirlande luminosi. Quattro maglioni natalizi. Cinque cerchietti di Natale. Tre nanne pomeridiane saltate. Quarantadue spot pubblicitari della calza della befana (li mortacci sua). Un mal di stomaco. Zero tortelli in brodo. Innumerevoli abbracci. Dieci “a te e famiglia”.

Quattro telefonate. Meno di dieci messaggi.

Zero foto di famiglia. Zero selfie. Zero video di spacchettamento. Zero foto davanti all’albero. Zero set natalizio costruito per l’occasione.

Mi sono resa conto che quest’anno non avessi scattato nemmeno una foto natalizia. Nemmeno una foto ricordo. Una foto di quelle da famigliola felice. Sorridenti con una flûte in mano. Mi sono resa conto che non ho aggiornato Instagram. Mi sono resa conto di non aver quasi guardato il cellulare. Mi sono resa conto che per alcuni sarò anche maleducata. Mi rendo conto però che quest’anno mi sono goduta il Natale per davvero. Non facendo nulla di straordinario davvero. Vivendo solo il momento. Offline.

E sapete che c’è? È stato proprio bello.

By elise, 26 dicembre 2017
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Networks
About Me
Colleziono borse, a mano o sotto gli occhi. Le marinière sono la mia Madeleine de Proust e il tulle una filosofia di vita!
Seguimi su Google+
Pinterest
Contatti

Per info e/o collaborazioni, scrivete a Elise Lefort

Instagram API currently not available.